mercoledì 28 luglio 2021

PAOLO CONTE – Grado (Go), sabato 24 luglio - Parco delle rose

 di Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste (pubblicato il 26 luglio 2021)

foto di Angelo Salvin

Grado (GO) - Sono passati poco più di due anni dall'ultima volta che "l’Avvocato" ha suonato dal vivo nella nostra Regione. Anche allora, deliziato come ogni volta dalla sua performance, mi auguravo che non dovesse trascorrere troppo tempo prima di poterlo rivedere a casa nostra. Fortunatamente ci ha pensato GradoJazz scegliendo per la serata conclusiva della sua XXXI edizione, il mitico Paolo Conte accompagnato dalla sua fida orchestra di undici elementi.

Il concerto andato in scena sull'Isola del Sole, ed organizzato dalla sapiente famiglia dell'Associazione Culturale Euritmica, ci ha dato l'opportunità di ripercorre tutto il percorso "contiano" grazie a questo spettacolo celebrativo dal titolo 50 anni di Azzurro, un chiaro omaggio ad uno dei brani che più gli ha regalato fama e notorietà. E questo brano è stato solo il primo di una lunga seria di noti successi da lui firmati come Tripoli ’69, Insieme a te non ci sto più, Onda su Onda, Genova per noi e Messico e Nuvole, eseguita nella serata gradese in chiusura del primo set.

Rinomato autore di testi portati al successo da grandi voci italiane, oltre ad essere un jazzista ed anche un appassionato di disegno sin dalla tenera età, solamente nel 1974 si presenta al pubblico con il suo primo disco omonimo che sarà seguito da un numero considerevole di altre produzioni sino al più recente Amazing game del 2016. Un vasto bacino di sedici pubblicazioni discografiche da cui attingere per la scaletta di questo concerto di ottanta minuti divisi in due set, durante i quali ci si addentra nell'enigmatico mondo musicale condito dai suoi mirabolanti testi, e dove troviamo personaggi e luoghi, immaginari o reali, magari incontrati o visitati nel corso della sua vita.

Indispensabili, per comprendere appieno questo artista, il libro Quanta strada nei miei sandali: in viaggio con Paolo Conte (2006) di Cesare Romana, ed il più recente documentario Via con me diretto da Giorgio Verdelli (2020), interessante pellicola in cui amici e colleghi descrivono il personaggio, ne esaltano la scrittura e raccontano aneddoti, mentre il protagonista, in prima persona, narra la sua storia.

Ma veniamo al concerto adesso, iniziato come da programma con l'artista che si presenta in scena a musica già iniziata, per prendere posto dietro al pianoforte da dove dirigerà la continua sfilata di successi. Da Come Di (eseguita con l'immancabile kazoo, strumento sì abbinato da sempre al mondo del Jazz ma in particolar modo associato al repertorio di Conte), a Sotto le stelle del Jazz, da Alle prese con una verde Milonga alle nostalgiche melodie di Giochi d'azzardo, poi la bellissima Gli impermeabili, e Via con me, il brano più conosciuto in assoluto.

Ma il meglio deve ancora venire e sarà servito da lì a poco con le note di Diavolo Rosso, brano il cui protagonista è il ciclista Giovanni Gerbi, concittadino di Conte. Si tratta di una cavalcata potente e irruenta che mette in risalto l'orchestra e la precisa ritmica della batteria da parte di Daniele Di Gregorio che, con la linea di basso di Jino Touche, indicano la strada, mentre le tre chitarre (Daniele Dall'Omo, Nunzio Barbieri e Luca Enipeo), tengono il pubblico con il fiato sospeso fino alla conclusione dei tre soli di clarinetto, fisarmonica e violino, eseguiti rispettivamente da Luca Velotti, Massimo Pitzianti e Piergiorgio Rosso che "incendiano" gli strumenti mandando in visibilio il pubblico. Ovvio e classico finale con standing ovation.

Ma c'è spazio ancora per un brano di chiusura e quindi si parte con Le chic et le charme, al termine del quale Conte si congeda dal pubblico uscendo di scena suonando proprio il kazoo.

Ancora un'ultima apparizione sul palco, ma solamente per un saluto al pubblico ed il consueto gesto della mano che taglia la gola, segno per dire che lo spettacolo è davvero terminato.

Come detto all’inizio, il concerto di Paolo Conte ha chiuso il programma di GradoJazz, ma i grandi eventi a Grado sono tutt’altro che terminati e gli appuntamenti con nomi eccellenti proseguono fino ad agosto. Sempre a cura di Euritmica, e sempre presso il Parco delle rose, la rassegna Onde Mediterranee propone quest’anno, per il suo quarto di secolo, Noa & Gil Dor il 27 luglio, Francesco Degregori il primo agosto e, a chiusura della rassegna, Willie Peyote il 05.

Se vi siete persi qualcosa, avete ancora modo di rifarvi!



Il Geco ospite a Tutti i colori dell'arco

 

Da intervistatore ad intervistato. Finalmente qualcuno ha pensato di farmi qualche domanda e permettermi di svelare chi è veramente Il Geco.

Qui di seguito l’intervista che Virgilio Fontanone ha realizzato al sottoscritto per la sua bellissima ed interessante iniziativa che s’intitola Tutti i colori dell’arco.

Ma chi sono Virgilio e questa sua creatura? Virgilio è un appassionato, nonchè istruttore di tiro con l’arco, che ha ben pensato di realizzare delle interviste entrando in profondità, in modo concentrico, seguendo la sequenza dei colori posti sul bersaglio di questa sua amata disciplina.

Non ci sono requisiti o condizioni particolari per venir messi al centro della mira poichè Virgilio punta la sua freccia in ogni direzione.

Quante cose avrei potuto raccontare ancora, come quella volta a Monaco a vedere i Depeche Mode, o quella volta in Francia al Bataclan per i Doors, oppure a Pola per i Calexico.

Intanto nell’ora di intervista che segue ci sono già un bel po’ di cose. Chissà, magari un domani vi racconterò altri particolari in un possibile seguito.

Grazie a Virgilio e a Tutti i colori dell’arco.

https://www.tuttiicoloridellarco.it/

Canale Youtube di Tutti i colori dell'arco

Pagina Facebook di Tutti i colori dell'arco




lunedì 31 agosto 2020

MARLENE KUNTZ – Udine, venerdì 28 agosto 2020 - Castello

 di Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste (pubblicato il 31 agosto 2020)

foto di Gianpaolo Scognamiglio per gentile concessione di Azalea.it



UDINE
- Gli anni '90 per il Rock italiano sono stati davvero incredibili. Un'interminabile lista di band che spaziava in ogni direzione, aveva fatto sognare orde di giovani e non solo. Poi però qualcosa è andato storto e l'onda musicale si è infranta sugli scogli. Tra i pochi sopravvissuti di quell'epoca, che oggi si contano sulle dita di una mano, ci sono i Marlene Kuntz ritornati in Regione, al castello di Udine, per la rassegna Udine Vola 2020 (l'ultimo appuntamento di questa edizione, previsto con Marco Masini, è stato posticipato a mercoledì 9 settembre).

Due sole le date quest'anno per la band piemontese (la seconda è prevista a Pistoia il 19 settembre), per un inaspettato set elettroacustico tutto da scoprire, presentato all'impaziente pubblico accorso anche da fuori Regione per vedere gli MK che, esattamente un anno fa avrebbero dovuto suonare sempre qui, nello stesso luogo, ma che per problematiche legate alla salute di uno dei componenti, hanno dovuto rivedere tutto il loro calendario, dovendo annullare qualche data, compresa proprio quella del capoluogo friulano.

Sul palco il nucleo originale della band formato da Cristiano Godano, Luca Bergia e Riccardo Tesio, al cui fianco troviamo l'ormai collaudato Lagash al basso e il polistrumentista Davide Arneodo per una scaletta che ha riservato più di qualche sorpresa. E se mi posso permettere, per questa anomala stagione delle esibizioni live, va bene così, quindi grazie all'ottima organizzazione di Azalea che ha dimostrato ancora una volta di saper gestire ogni tipo di situazione, proponendo sempre spettacoli di elevata qualità.

Si parte con Ti giro intorno dal disco Il vile del 1996 per poi proseguire con Sapore di miele (da Uno del 2007), Notte (da Senza peso del 2003) e La tua giornata magnifica (Nella tua luce del 2013), per uno spettacolo che decisamente ha un sapore diverso rispetto a quanto siamo stati abituati dalla band cuneese. Infatti la complicità che si è venuta a creare tra la situazione virologica che ci obbliga a stare sempre seduti ad una certa distanza l'uno dall'altro, e la scelta della band di creare uno show come questo, ci coglie impreparati. Ai concerti degli MK si poga, si grida e ci si scalmana al suono dell'onda d'urto sonora proveniente dal palco. Ho sempre sostenuto che i Marlene sono meglio dal vivo che ascoltati in disco, stasera invece assistiamo ad uno spettacolo per certi versi sornione che, come un gatto dall'indole bastarda, aspetta il momento giusto per svelare il suo carattere e mostrare i denti. Mi aspetto una svolta da un momento all'altro, è solo questione di tempo. Dopo Musa (quella dei bellissimi versi "perché tu sai come farmi uscire da me, dalla gabbia dorata della mia lucidità, e non voglio sapere quando come e perché questa meraviglia alla sua fine arriverà"), e Osja, amore mio, ecco che il felino si gira, ci guarda e inizia soffiare. Con Fantasmi la serata decisamente prende una piega diversa e prosegue con la bellissima Lieve (dal debutto Catartica del 1994),  Io e me, Infinità e l'ineluttabile (questi ultimi due da Ho ucciso paranoia del 1999), fino a Nuotando nell'aria che ha chiuso il concerto davanti ad un pubblico forzatamente composto tutta la sera, ma in piedi sul finale ad applaudire e omaggiare in standing ovation una grande e storica band.






mercoledì 12 agosto 2020

MAX GAZZE' – Palmanova, domenica 09 agosto 2020 - Piazza Grande

Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste (pubblicato il 12 agosto 2020)

foto di Simone Di Luca

 

PALMANOVA - Come si poteva prevedere alla fine della serata eravamo tutti in piedi a saltare e battere le mani sulle note di Una musica può fare ma, però, senza mai abbandonare il posto che ci era stato assegnato e che obbligatoriamente dovevano mantenere. Per tutto il concerto ci siamo trattenuti dall’esplodere di entusiasmo e divertimento causa le regole che purtroppo conosciamo fin troppo bene, ma confidiamo che prima o poi riusciremo a mandare a farsi friggere questo Covid19!

Ad ogni modo nessuno meglio di MaxGazzè poteva chiudere la XXIV edizione di Onde Mediterranee, rassegna che si congeda al pubblico in modo elegante e raffinato con uno dei cantautori italiani più noti e amati dei nostri giorni.

Dopo i saluti di inizio serata da parte di istituzioni e organizzazione, che hanno raccontato i disagi e la disperazione della scorsa primavera quando ancora gli spettacoli non erano nemmeno ipotizzabili, ecco aprirsi le danze con un'artista di supporto. CaterinaCropelli, in arte solamente Caterina, nota al pubblico televisivo per aver partecipato ad una delle recenti edizioni di X Factor, che ha il piacere di presentare al pubblico il suo disco omonimo di debutto, intrattenendo gli spettatori per una ventina di minuti circa eseguendo una manciata di brani tra cui anche Duemilacredici, brano da cui è stato estratto anche un videoclip.

Poi arriva il momento di Max Gazzè, che per questo tour, ha deciso di lasciare spazio in scaletta anche a brani che non erano mai stati eseguiti live prima d’ora come Gli anni senza un Dio (dal disco Contro un'onda del mare del 1996), oppure La cosa più importante, brano del 2010 ed eseguito in concerto solo in occasione del tour del disco Quindi?. Ovviamente non sono mancati i brani famosi, quelli che conosciamo molto bene e che ci hanno fatto apprezzare la sua coraggiosa e sperimentale vena compositiva, con audaci sonorità retrò anni ’70 di tastiere, synth e moog, ed inaspettate incursioni di fiati e schitarrate in sottofondo. Elementi non convenzionali  per un genere "di massa" e riproposti live in questa serata rispettivamente dal maestro Clemente Ferrari, Max Dedo e Davide Aru.

Un esempio su tutti l'esecuzione del brano La favola di Adamo ed Eva eseguita con un finale dilatato (senza annoiare o essere di troppo), che seguendo la strada indicata dall'assolo di un magnifico trombone sorretto dai ricami sonori di tastiere e chitarra, si è evoluto attraverso Dub, Jazz e Chill Out prima di concludersi.

Prima di chiudere c'è spazio anche per una brano proveniente da una delle sue collaborazioni: Vento d’estate (realizzato con Niccolò Fabi), ed eseguito assieme alla già citata Caterina richiamata sul palco per l'occasione.

Gran finale, come detto all’inizio, con Una musica può fare, quella in cui i versi recitano chiaramente “…salvati sull’orlo del precipizio, quello che la musica può fare, salvati sull’orlo del precipizio non ci si può lamentare...”. Penso di non essere affatto azzardato se asserisco che, per chiudere un concerto in questo periodo, non poteva esserci brano più azzeccato.

A tirare la somme, quella che si temeva potesse essere un’estate misera di concerti, è stata comunque una stagione ragguardevole sotto questo punto di vista, e questo grazie all’AssociazioneCulturale Euritmica che per la rassegna Estate di stelle (che già da anni porta grandi nomi musicali in Piazza Grande a Palmanova), ha inserito in cartellone questo bel concerto per Onde Mediterranee, manifestazione che l’anno prossimo festeggerà il suo primo quarto di secolo di vita. Certamente la prossima sarà un’edizione col botto.



domenica 9 agosto 2020

DANIELE SILVESTRI – Grado, giovedì 06 agosto 2020 - Parco delle rose


Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste (pubblicato il 09 agosto 2020)

foto di Angelo Salvin 


GRADO - Ad essere sincero temevo che quest'estate non avremmo potuto assistere ad alcun concerto. Non appena terminata la forzata reclusione della scorsa primavera, i vari appuntamenti estivi messi già in programma dall'autunno dell'anno passato hanno iniziato a subire rinvii o peggio ancora annullamenti.

Fortunatamente però c'è chi è riuscito comunque a proporre spettacoli di un certo livello e degni del grande pubblico. Situazione per nulla facile o scontata per un lavoro già complesso in situazioni normali e questa volta reso ancor di più articolato con tutte le normative anti virus da rispettare.

L'Associazione Culturale Euritimica è riuscita anche quest'anno a sbalordire il pubblico delle grandi occasioni proponendo un rispettoso cartellone per la XXIV edizione di OndeMediterranee (chiusura della rassegna domenica 9 agosto a Palmanova con Max Gazzè). Dopo l'apertura affidata a Tosca con un interessante spettacolo di ricerca musicale, ecco un gradito ritorno, quello di Daniele Silvestri, artista romano che non ha affatto bisogno di presentazioni.

Classe 1968 il noto cantautore, attivo dal 1994, ha richiamato al Parco delle Rose di Grado un folto pubblico che ha segnato, come prevedibile, il sold out nonostante le regole che sin d'all'inizio si sapeva dovevano essere rispettate. Tutti muniti di mascherina sul volto, rispettosi delle distanze e con i posti da occupare a seggiole alterne, abbiamo comunque saputo goderci lo spettacolo da seduti anche se rimanere fermi non è stato affatto facile.

Per due ore e mezzo di concerto (va d'obbligo segnalato che non ci sono state pause), Silvestri ha regalato una serata davvero ipnotica e ricca di atmosfere durante la quale ha ripercorso tutta la sua carriera proponendo live sia brani famosi, sia brani rimasti per tanto tempo fuori dalle sue scalette da concerto.

L'artista si è presentato al pubblico in perfetto orario iniziando solamente con voce e piano con il brano A bocca chiusa, per poi farsi raggiungere dai sette elementi della band e, a line up completa on stage, c'è stato il momento del saluto al pubblico e l'invito sul palco di Claudio e Paola, genitori di Giulio Regeni, per un tributo e solidarietà alla loro nota causa.

Lo spettacolo che lo ha visto alternarsi tra voce, chitarra elettrica, acustica e pianoforte, e sempre con la sua inseparabile ironia e voglia di scherzare, è scivolato via mettendo in luce tutta la classe silvestriana, dove contaminazioni sonore di vario tipo (Swing, Reggae, Latino, Flamenco e Rock), sono state presentate anche diversi brani, trasformandoli quindi in una chiave diversa da come li conosciamo.

Ecco quindi che la piccola orchestra, che questa sera ha fatto tappa sull'Isola del Sole, suona per noi i brani Io fortunatamente, Le cose in comune, Sornione, Caro architetto, Bliz gerontoiatrico e Sogno-B, Il flamenco della doccia e Il mio nemico, sparsi durante la serata che prevede nel programma un set elettrico ed uno acustico.

L'affiatamento dei suoi gregari è ottimale e testato già da tempo. Essenziali le percussioni aggiuntive di Jose Ramon Caraballo, suggestive le chitarre del fido Daniele Fiaschi, ottimi gli incastri di tastiere e synth di Duilio Galioto e di Gianluca Misiti (altro storico musicista al fianco di Silvestri), interessanti i fiati proposti da Marco Santoro (tromba e oboe). Senza dimenticarci della precisa e solida sezione ritmica composta da Gabriele Lazzarotti al basso e Piero Monterisi alla batteria sin dagli inizia di questa avventura artistica ritornata, questa sera, nella nostra regione.

Molti i brani attesi ma rimasti fuori dalla scaletta. Nemmeno i due bis con Gino e l'Alfetta, Salirò e La Paranza accontentano le speranze.

Si chiude con Testardo invece che con la solita Cohiba, ma dal palco Daniele Silvestri spiega che è una sua scelta e la riserva per le prossime volte quando ci sarà permesso saltare e ballare sotto il palco.

Anche se a malincuore, noi tutti accettiamo, ma è una promessa per rivederci e cantarla assieme.

mercoledì 29 luglio 2020

5IVE YEARS GONE


di Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste (pubblicato il 28 luglio 2020)
foto di Viktor Tomic


Prendiamo quattro baldi giovani con la passione per il buon Rock di qualità, quello deciso e influente che ha lasciato una profonda ed inconfondibile impronta, mettiamoli assieme e lasciamo che in una sala prove sgorghi la loro passione come un fiume in piena. Da questo incontro si viene a creare una piacevole pellicola hollywoodiana che racconta di un viaggio in macchina attraverso lo stato a stelle e strisce, dove troviamo roadhouse e strade circondate dal deserto mentre una piacevole colonna sonora fa da sfondo e ci coccola al suono di piacevoli melodie vocali sostenute da accattivanti ritornelli.  
Nati nel 2017 da un progetto musicale scioltosi poco tempo prima, Davide Falconetti (chitarra e cori) e Paolo Cernic (voce) decidono di non gettare alle ortiche quanto già messo in cantiere con la band precedente e si rafforzandosi con l’arrivo di Andrea Cok (Basso) e Andrea Imbergamo (Chitarra e Piano), e debuttano con Rock N’ Roll Rebirth dove, nonostante il classicismo dell’Hard e Melodic Rock, non mancano modernità e originalità che i quattro moschettieri nostrani del Rock hanno saputo dare a questa loro opera prima. Già nel titolo (la traduzione dall’inglese significa La rinascita del Rock ‘n’ Roll), questo disco si presenta come un tributo a questo genere musicale che si svela come un viaggio attraverso la sua anima, passando per ogni sua declinazione e spin-off, omaggiando mostri sacri del settore che continuano a farci sognare con le loro composizioni.
Con le idee ben chiare del percorso che vogliono seguire, ma senza scendere a compromessi ed escludendo le tendenze musicali più in voga del momento, questa band fornisce un valido certificato a garanzia della genuinità del prodotto offerto, concepito e creato seguendo la strada “del suonare ciò che piace di più”.
Negli undici capitoli che compongono il disco, i 5ive Years Gone (nome scelto per ricordare la durata delle precedenti esperienze in altri progetti di uno dei componenti e dalle quali sono state recuperate diverse idee rimaste allora nel cassetto), la band permette all’ascoltatore di orientarsi in questo vasto mondo musicale, fornendo una chiara e consultabile mappa grazie alla quale è possibile riconoscere le influenze di Gun n’ Roses e Bon Jovi, richiami agli Aerosmith e Cinderella, sino a qualche inaspettato personaggio che chi scrive individua nella Steve Miller Band e Hootie and the blowfish con la hit single All i know, splendido brano che si offre come un valido biglietto da visita per l’ascoltatore.
Ma ci sono anche altre situazioni interessanti contenute in Rock N’ Roll Rebirth, come la ballata acustica Song 4 U, l’Heavy Rock di Mary Jane, il metal sfiorato di Promise e l’accattivante Never be the same. Tutto questo al suono di chitarre sanguinanti (come la band stessa ama definire), sotto la guida di un basso che segna la strada e di ritmiche precise delineate dalla batteria dell’ospite Francesco Bardaro che, oltre a suonare, ha prestato la sua esperienza come tecnico del suono nel suo studio dove il disco è stato registrato.

Peccato che i concerti in questo periodo virologico siano forzatamente latitanti; non sarebbe stato affatto male in questa estate poter ascoltare questo disco suonato live in riva al mare e ricreare con l’immaginazione qualche altra piacevole situazione soprattutto adesso che l'organico si è ampliato con l'arrivo del batterista Michael Bonanno, figura sino ad ora mancante. Ora i 5ive Years Gone sono più carichi che mai e stanno preparando del nuovo materiale per un’altra appagante esperienza nel mondo del Rock.






martedì 18 febbraio 2020

LES NEGRESSES VERTES – Trieste, sabato 15 febbraio 2020 - Teatro Miela


Cristiano Pellizzaro per RadioCityTrieste (pubblicato il 18 febbraio 2020)
Foto di Cristiano Pellizzaro (ad eccezione della locandina reperita su internet)




TRIESTE – Sono passati già due anni da quando questa storica band francese ha nuovamente iniziato a girare in lungo e in largo dopo moltissimi anni di pausa. E pensare che inizialmente avevano previsto solamente una cinquantina di date per celebrare i trent’anni del loro debutto discografico. Invece dal palco del Teatro Miela di Trieste è andata in scena la centosettantaduesima replica per la band parigina dei Les Négresses Vertes che al momento non ha nessuna intenzione di fermarsi.
Mlah era il titolo del loro primo disco, una pietra miliare che ora viene celebrato, un caposaldo del Patchanka che sul finire degli anni Ottanta iniziava a farsi strada anche grazie al sound dei colleghi ManoNegra. Stiamo parlando di un autentico crogiuolo stili, influenze popolari e folkloristiche, riempito anche grazie alle diversità culturali ed etniche dei componenti della band. La parola Mlah in lingua araba significa Tutto bene.
Vista l’eccezionalità dell’evento (sold out già diversi giorni prima), la serata è stata anticipata per l’occasione da una breve e rara presentazione da parte dell’organizzazione che ha ricordato i festeggiamenti dei trent’anni del teatro.
Gli anni passano, i capelli bianchi e le rughe si son fatti strada sui volti di chi calca il palcoscenico e di molti dei presenti tra il pubblico che un tempo hanno avuto la possibilità di vivere direttamente questo fenomeno in prima persona e nonostante tutto la voglia di scatenarsi non è venuta meno da nessuna delle due parti. Una formazione di sette elementi rimaneggiata nella line up già dal 1993 per la triste dipartita del paroliere e cantante Helno omaggiato da Manu Chao con il brano Helno est mort (Sibérie m’était contéee del 2004) e dai Modena City Ramblers con Morte di un poeta (Riportando tutto a casa del 1995) non ha comunque deluso le aspettative, sfoderando energia, verve e diffondendo ottima musica verso un pubblico entusiasta.
Da Voilà l'ètè, passando per Hey Maria e Zobi la mouche, sono stati suonati tutti i pezzi migliori andando a pescare anche qualcosa d’altro della loro attività musicale.
Un’autentica festa che in molti non avrebbero mai sperato di potersi permettere nemmeno nel 2013, quando Stéfane e Iza Mellino (compagni nella vita e sul palcoscenico) avevano già fatto tappa proprio al Miela per un loro concerto.
Come già detto, diverse persone sono dovute rimanere fuori dalla porta del teatro. In tanti hanno voluto prendere parte a questa serata e non si sono lasciati sfuggire quest’occasione arrivando anche da fuori città. Come Daria ad esempio, venuta da Gradisca d’Isonzo. Lei li aveva già visti a Francoforte nel 1992. Erano i tempi d’oro di Helno.